Mani utilizzano un iPhone

Web App- App Ibride- App Native

Quale scegliere per il tuo business?

Le aziende moderne hanno a disposizione diversi mezzi per poter comunicare rapidamente con i propri utenti. 

Le applicazioni mobile rientrano tra i metodi più scelti per la costruzione di un’esperienza utente decisamente superiore alla media. 

Attualmente, esistono tre tipologie diverse di App Mobile, che gli sviluppatori hanno imparato a realizzare una dopo l’altra. 

Prima di chiedere un preventivo per la realizzazione di un applicazione mobile, è importante informarsi riguardo le diverse funzionalità, così da cogliere effettivamente i vantaggi di ognuna. 

Vediamo quindi nel dettaglio quali sono gli elementi distintivi di Web App, App Native e App Ibride. 

Web App: economiche e funzionali

Le Progressive Web App, conosciute anche come PWA, vengono considerate come le più economiche e le più vantaggiose. 

A differenze delle App Native e di quelle Ibride, la versione Web non deve essere scaricata attraverso l’App Store. 

Funzionano automaticamente, come fossero estensioni dei siti Web. Non occupano memoria, non consumano troppo e possono essere utilizzate anche in condizioni di bassa connettività. 

Realizzarle non richiede un budget eccessivo, perché non bisogna produrre più progetti per sistemi diversi – es. un sistema per iOS ed uno per Android – ma si adattano autonomamente ai diversi dispositivi. 

App Native: performanti e immersive

Le App Native nascono appositamente per i dispositivi mobili e per i sistemi a cui sono destinate. Vengono sviluppate nel linguaggio specifico della piattaforma di supporto, quindi iOS, Android e così via. 

Una volta realizzata, l’App viene inserita nello store e gli utenti hanno la possibilità di scaricarla ed installarla sul proprio dispositivo. 


Rispetto alla PWA, le App Native hanno un costo più elevato, necessario per realizzare le diverse versioni. Tuttavia, risultano anche più performanti ed offrono prestazioni ottimali sia online che offline. 

App Ibride: rapide e efficienti 

Concludiamo con le App Ibride che, come ci suggerisce il nome, possono essere considerate come un mix delle prime due. 

Assomigliano alle App Native, in quanto hanno ugualmente bisogno di essere scaricate ed installate dall’utente sul dispositivo. Tuttavia, utilizzano un solo codice per tutti i sistemi operativi. 

Vengono scritte utilizzano linguaggi di programmazione come HTML5 e Javascript, che consentono una migliore personalizzazione ed adattabilità. 

Hanno un costo ridotto rispetto alle App Native, proprio perché basta programmare una sola volta per tutti i dispositivi. 

Share:

This post has no Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.