Testing dell’App e usabilità: come avere la miglior app nativa.

Creare un’app è davvero importante al giorno d’oggi poiché da device vengono compiute tutte le ricerche dell’utenza. La fretta non deve però far perdere di vista l’obiettivo: creare la miglior app nativa possibile e per farlo i test sono davvero importanti poiché permettono di avere nozioni su:

  • Funzionamento.
  • Compatibilità con i sistemi operativi e con i dispositivi.
  • Usabilità.

Compiere questi test è davvero importante per avere una strategia di crescita aziendale di successo, non servirà a nulla fornire contenuti accattivanti o dar vita a una pubblicità su larga scala se l’app una volta installata darà problemi a coloro che la usano.

Come si testa un’app?

Oltre a rispettare gli standard di facilità di utilizzo le app devono potersi integrare con la frammentazione di hardware e software ovvero sulla diversificazione che ogni singolo device mobile oggi propone per rimanere all’avanguardia e superare i competitor.

La varietà dei dispositivi aumenta in maniera esponenziale e la ricerca degli eventuali problemi e la loro risoluzione progressiva è l’unico modo per garantire un’esperienza d’uso ottimale per il maggior numero di utenti possibile.

I principali test che possono essere presi in considerazione sono quelli diretti direttamente al controllo dell’applicazione:

  • Test automatici. I controlli automatici su app servono a tenere sotto controllo specifici processi in app attraverso condizioni di volta in volta variabili. Questi test automatici hanno il vantaggio di essere veloci e di far risparmiare tempo e se condotti da specialisti hanno la possibilità di far emergere alcune criticità da mettere in ordine.
  • Test manuali. I test manuali sono davvero importanti perché permettono a sviluppatori esperti di verificare in maniera manuale l’applicazione su dispositivi diversificati. Effettuare questo tipo di test richiede un team di sviluppatori e un certo tempo per mettere a confronto tutti i dati ed effettuare le modifiche. I test manuali prevedono inoltre una seconda modalità quella del crowdtesting dove un selezionato gruppo di utenti facente parte del target specifico che si intende raggiungere possono testare sui propri dispositivi l’app in un ambiente naturale, ciò rende i dati molto più veritieri e quindi efficaci.

Altri test invece possono essere condotti sull’esecuzione materiale dell’app sia su dispositivo che tramite simulatori.

Quali sono i diversi tipi di test su App?

Vediamo nello specifico quali sono i diversi tipi di test che si possono effettuare su App prima e durante il lancio sul mercato. Ognuno è indispensabile per garantire all’utente finale il miglior riscontro possibile e dare così la possibilità a un’azienda di crescere e generare conversioni.

Functional Testing

Un test di questi tipo controlla le corrette funzionalità di un’app e dei suoi contenuti. Quando si mette in moto un test per la funzionalità di solito si tendono a considerare come prioritarie: installazione e disinstallazione dell’app, se funziona come previsto e si verificano crash o disservizi così come vengono controllati i suoi comportamenti in contesti diversi e con diverse sollecitazioni.

Usability Testing

Un test sull’usabilità è davvero importante poiché va a verificare l’user friendly dell’app. Bisognerà capire quanto è intuitivo il suo utilizzo e se i contenuti dell’app sono posizionati in maniera da far giungere l’utenza alle funzioni più importanti in tempi rapidi e facilmente.

Con questo test vengono anche messi in discussione il layout dell’interfaccia e la formattazione dei testi. Correggere tutti i problemi durante l’uso vuol dire ottenere risultati migliori sotto ogni punto di vista.

Un test sulla performance di un’app è volto a verificarne le prestazioni. I verifica se un’app funziona in maniera fluida anche durante un uso prolungato e se non sovraccarica il dispositivo sul quale è installata. Il comportamento di un’app è davvero importante per l’utente.

All’interno dei test sulla performance vengono effettuati anche degli stress test ovvero degli specifici testi volti a indicare il carico che specifici componenti riescono a supportare prima di invalidare il funzionamento dell’app.

Test della compatibilità

Performance Testing

Tramite i test della compatibilità gli sviluppatori controllano l’usabilità e il funzionamento dell’app in relazione a specifici hardware e software. Qualora intervengano problemi che inficino il corretto funzionamento dell’applicazione vengono risolti per permettere agli utenti di utilizzare l’app con qualsiasi dispositivo.

Conclusione

Un’app perfetta è quella che tiene conto per prima cosa dell’usabilità, che pensa agli utilizzatori finali e lavora tramite sviluppo e test di controllo per fornire un prodotto che sia il migliore possibile andando incontro alle esigenze di utilizzo e alla praticità del funzionamento. Spesso rivolgersi a un’agenzia di creazione app esperta è il modo migliore per generare un’ambiente confortevole per gli utenti che generi al contempo le condizioni per una fidelizzazione su larga scala.

This post has 2 Comments

[…] che meglio si adattano ai contenuti prodotti così da ottenere la miglior usabilità in app possibile per gli utilizzatori […]

[…] piattaforme No-Code sono sempre più utilizzate in ambito IT e per lo sviluppo di app di ultima generazione. Per un’azienda farne ricorso per sviluppare applicativi utili è davvero […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *